martedì 6 settembre 2011

Piano piano


Sono passati tanti anni da allora.
Anche in me sono andate distrutte tante cose che credevo dovessero durare per sempre, e se ne sono costruite altre originando dolori e gioie che non avrei potuto prevedere allora, al modo stesso che le antiche son diventate per me difficili da capire.
La possibilità di tali ore non rinascerà più per me. Ma da poco tempo, io riconomincio a percepire perfettamente, se tendo l'orecchio. In realtà (...) non hanno mai cessato; è soltato perchè la vita tace intorno a me che li intendo di nuovo. 
Marcel Proust

4 commenti:

  1. la vita è bella così...nulla si può prevedere....
    ogni giorno è diverso, ogni giorno è unico!
    sta a noi goderci ogni istante ......
    ps. su style c'è la migrazione...io per ora rimango! passerai sempre???
    un bacio kir.

    RispondiElimina
  2. ciao Cook, nono ti ho mai visto qui. Welcome! =)

    RispondiElimina