sabato 8 settembre 2012

Aspettative

To believe in something, and not to live it, is dishonest. -Gandhi 

The highest form of human intelligence is to observe yourself without judgement. -Jiddu Krishnamurti

Io ho un problema di aspettative con gli insegnanti, io mi aspetto sempre che siano maestri.
Che l'ho già avuta la fidanzata che idealmente era zen, discipline alternative, olistica..e poi nella realtà si è rivelata..un po' meno zen del previsto.. 
Lo so che il problema è più mio che dell'altro e so che i maestri sono persone, ma io all'onestà intelletuale ci credo ancora, in ogni campo. Io penso che insegno e so che quello che dico a lezione viene da anni di studio, non mi sognerei mai di insegnare francese anche se l'ho studiato a lungo. Io insegno inglese, quello che so di sapere. E così so anche che un conto è essere un'insegnante di inglese (cosa che non comporta alcun riscontro morale) e un conto essere un'insegnate di yoga o di qualche altra disciplina olistica. E' che io non riesco a scindere la persona dal suo lavoro. Io credo ancora che la coerenza verso se stessi e le proprie scelte portino responsabilità verso se stessi e il prossimo...insomma..una maestra di yoga può anche essere una persona che non vive secondo gli insegnamenti che a lungo ha studiato e che tenta di trasmettermi a lezione e per questo rimanere una valida?


A volte mi dico che se solo riuscissi a sospendere il giudizio verso me stessa, riuscirei a sospenderlo verso gli altri.


8 commenti:

  1. I migliori maestri non sono quelli che insegnano con le parole ma con il loro esempio quotidiano, ossia che vivono quello in cui credono.
    Qualche mese fa ho rinunciato ad iscrivermi ad una scuola olistica perché ho scoperto che i due direttori erano niente meno che i miei vicini del piano di sopra che sono tutto tranne che zen: persone che non salutano, che trattano male gli animali, che lasciano i figli in balia di loro stessi ecc.
    E io avrei dovuto ascoltare i loro insegnamenti? Giammai!!
    Ci vuole coerenza, ma questo al di là che si sia insegnanti o meno: come persone abbiamo tutti dei principi su cui basiamo il nostro vivere… dobbiamo esternarli nella pratica quotidiana e diventeremo dei bravi maestri per noi stessi e per gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole che cercavo, grazie daffo!!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Non sempre l'Uomo combacia con la Vita, come non sempre l'Idea riesce a sposarsi alla Materia.
    Mente e corpo sono due potenze con eguale forza e presunzione. C'è chi le domina e chi no.
    Se si guardano i più grandi Maestri mai esistiti sulla terra, raramente il modo di condurre la propria vita rendeva giustizia al frutto mirabile del loro genio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici charlie? Ma non ci dovrebbe essere coerenza?

      Elimina
    2. Penso che le grandi idee impegnino la gran parte del cervello e che alle grandi persone non rimanga poi così tanto spazio per riequilibrare la parte materiale, ovvero la vita. Non dimentichiamo che il genio è un passo prima del folle ed il Maestro è tale xché possiede una più vasta visione delle cose. Ma come esseri umani, anche loro come noi hanno dovuto affrontare gli ostacoli, i trabocchetti, le perfidie della vita. C'è chi è riuscito a mantenere un equilibrio x tutto il percorso e chi è dovuto cadere x comprendere e diventare ciò che è. tutto qui.. almeno questa è la mia opinione.
      Vedi Oscar Wilde! Quale miglior esempio.. Albert Einstein, Dante, i filosofi greci.. chi di loro può vantare una coerenza tra vita e speculazione?

      Elimina
  4. in realtà anima, di solito si parte dal sospendere il giudizio sugli altri e solo dopo si riesce con se stessi..si è sempre più inclini a perdonare agli altri difetti in cui non ci riconosciamo perchè non ci suonano dentro..
    e si, dovresti essere più morbida, siamo solo essere umani..certo se penso al parallelo -forse azzardato- tra un insegnante di yoga e un chierico, mi viene difficile tollerare l'incoerenza, ma perchè i secondi sono a loro volta così rigidi nel dettare norme morali che è impossibile accettare le loro sviste..

    forse il problema sta nel cercare maestri.. non esistono maestri in questo mondo ma solo persone che possono cndividere la loro conoscenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pice l'idea di persone con le quali condividere cpnoscenza!!

      Elimina